Il futurale

22.2.2222

Gennaio 2020

Vettoriale, cm 59x42, 600 dpi

01 futurale.jpg

il quadro

E’ il 22 febbraio del 2222. Una data magica, tutta fatta di 2.

Esseri umani e animali si sono mescolati con i robot ed hanno generato ibridi come gli Anatron della Cirenaica Magrebina e gli Ittiopodi della Sirenaica Magrittiana.

I nuovi esseri si recano nella Monument Valley per contemplare la Ferrari, capolavoro d’arte della fine del primo millennio perfettamente conservato e continuamente lucidato dai monaci lustranti dello Stupa Meccanico.

Una grande guglia di roccia è stata scolpita per farne il monumento a Darwin e all’Orango Primigenio da cui è derivato il genere umano.

Un’altra guglia è dedicata al sacro Pompiere Farnese, eroe dei tempi antichi che due secoli prima si distinse nella tragedia delle Torri Gemelle, un dimenticato episodio del terrorismo internazionale.

Il Pompiere Farnese scolpito nella roccia come i presidenti del Monte Rushmore, con la lancia idrica al posto della clava mitologica.

pompiere.jpg

i particolari

monaco lustrante.jpg

Il monaco lustrante ha trasformato il suo lavoro – tener pulita la Ferrari – in un rituale di pratica meditativa.

Gli anatron sono robot semoventi che oltre ad accrescere le conoscenze con l’apprendimento, accrescono anche l’hardware aggiungendo accessori e funzioni.

anatron.jpg
ittiopodi.jpg

L’addestramento degli Ittiopodi prevede che un adulto accompagni i giovani ad apprendere le caratteristiche del design e della meccanica del XX secolo.

stupa.jpg

Lo stupa meccanico si erge sopra il monastero dei monaci lustranti.

falcodron.jpg

Il Falcodron osserva e controlla la Ferrari, e la illumina quando si fa sera.

 

Il futurale, notturno

Gennaio 2020

Vettoriale, cm 59x42, 600 dpi

02 futurale_notte.jpg

il quadro

Nel vettoriale le forme sono oggetti che possono essere modificati singolarmente, duplicati o nascosti. Ciò rende possibili varianti dello stesso quadro

falcodron nott.jpg
orango.jpg

i particolari

Quando si fa notte la scena si svuota e resta solo l’occhio vigile del Falcodron che illumina la Ferrari.

L’Orango Primigenio resta in secondo piano, anche se continua a dominare la scena con la sua mole silenziosa.