arte digitale

Vector art

ipermela.jpg
Ipermela

PNG 7106x4961 pixel

ottobre 2021

L’iperoggetto sonoro si manifesta come una grande mela che invade tutta la stanza. Il suono è rappresentato dal potenziale rumore del martello pneumatico e dalla potenziale melodia del violino, ma comunque la sua caratteristica è la propagazione che riempie tutto l’ambiente disponibile, come ci dice Magritte con la sua “Camera d’ascolto”, che ho parafrasato in questa opera. Fuori dalla camera sonora c’è il silenzio immobile e metafisico delle piazze di De Chirico, con un treno altrettanto immobile e silenzioso.

navelli alto.jpg
Navelli alto

PNG 9934 x 14044 pixel

2021

Navelli è il paese natale di mio padre, e dà il nome all’altipiano che si estende poco più a sud dell’Aquila, in Abruzzo. E’ un bellissimo borgo medievale, che purtroppo in buona parte è andato in rovina per l’abbandono degli abitanti che si sono trasferiti ai piedi della sua collina, o sono andati altrove, ma che recentemente è stato restaurato e ripulito. Da giovane avevo dipinto lo scorcio dominato dal piccolo campanile della chiesa, ed ora ne ho fatto una versione vettoriale a cui ho aggiunto una pianta di ceci e un fiore di zafferano, che sono pregiate colture locali.

illuminazione galattica.jpg
Illuminazione galattica

PNG 3000 x 4000 pixel

2021

Il Budda in meditazione contro il profilo delle montagne cinesi è illuminato dal faro di un’astronave aliena. E’ il momento dell’incontro fra l’iperoggetto terrestre e l’iperoggetto galattico, ridotti alle mie dimensioni. I monti cinesi come quelli che si trovano fra Guilin e Yangshuo fanno parte del mio subconscio, anche se li ho visti solo in sogno o in fotografia. Il Budda è ispirato alla grande statua di Kamakura in Giappone. La posizione è quella dello zazen, la meditazione seduta che ho praticato per un periodo della mia vita. L’astronave rappresenta il timore e la speranza di non essere soli nell’Universo.

pixel art

autoritratto.jpg
Autoritratto

PNG 5560 x 4119 pixel

2021

Le mie mani disegnano se stesse alla maniera di Escher, una con la matita, che ho cominciato ad usare dall’età dei 9 anni sotto la guida di un maestro di disegno, l’altra con lo stilo della tavoletta grafica, che ormai da anni uso con programmi di grafica vettoriale e bitmap. E’ la sintesi di tutta la mia vita, in cui ho percorso linguaggi e tecnologie multimediali seguendone l’evoluzione.

scarabei d'oro.jpg
six fluid golden scarabs.jpg
Scarabei d’oro

Tre PNG 13600 x 7650 pixel

2009-2021

Lo scarabeo d’oro è un simbolo sacro dell’antico Egitto, è l’immagine della sincronicità in C.G. Jung, e anche ai nostri tempi è considerasto un simbolo di fortuna e prosperità. La Cetonia Aurata, che in natura ha un bel colore verde o blu, emerge dal magma fluido come oggetto prezioso, ma uscendo a fatica ha perso qualche zampa. Le due cetonie rappresentano l’incontro fra il sogno e il caso, secondo il racconto di Jung. Le sei cetonie si riferiscono all’ambivalenza simbolica del numero 6, la stella a sei punte fatta di due triangoli capovolti, l’uno che rappresenta la luce, l’altro l’ombra. In un mondo che vuole discriminare in modo netto il bene dal male, i sei scarabei ci ricordano che tutto si può mescolare o distinguere, e che i significati si possono ribaltare.

sei scarabei d'oro.jpg